Relazione del Presidente Fitarco Sicilia

QUADRIENNIO OLIMPICO 2013-2016

 

 

Desidero innanzitutto ringraziare i Consiglieri uscenti che hanno collaborato nella conduzione del Comitato nel quadriennio appena terminato.

Ringrazio particolarmente coloro che adesso si stanno mettendo da parte per consentire la costituzione un Consiglio con maggiore diffusione territoriale.

Ciò dovrebbe garantire una maggiore coesione regionale.

Passo ad esporre su ciò che è avvenuto nell'ultimo quadriennio.

Le condizioni economiche generali con il contributo federale costante, anzi in leggera diminuzione e la drastica riduzione del contributo della Regione Siciliana ci hanno comunque consentito di partecipare dignitosamente alle due attività agonistiche istituzionali, cui la Sicilia non è mai mancata, Trofeo Pinocchio e Coppa delle Regioni: queste da sole, per viaggio, vitto e alloggio, utilizzano tutto il contributo federale e, con le spese di abbigliamento, delle premiazioni degli “atleti dell'anno” e la gestione ordinaria, erodono anche il ridotto contributo aggiuntivo della Federazione per le manifestazioni sopra dette.

L'altro contributo aggiuntivo, la retrocessione cioé delle quote di isrizione delle gare al Calendario federale, ha una destinazione ben precisa, in quanto va utilizzata per attività giovanile; in pratica è stata utilizzata per un paio di raduni nel corso dell'anno e poi per raduni dedicati ai ragazzi che avrebbero partecipato alla finala nazionale del Trofeo Pinocchio e alla Coppa delle Regioni.

Nel tempo si è visto che alle manifestazioni si sono ottenuti dei miglioramenti con raduni residenziali di due giorni immediatamente prima della partenza, con i ragazzi molto motivati.

I residui dei contributi della Regione si sono ridotti, anche se adesso si prevede che possano tornare a crescere nel prossimo anno, ma la riserva che eravamo riusciti a mantenere di anno in anno si è annullata.

Oggi le casse sarebbero a zero se non fosse pervenuto, in settembre, il contributo 2015 di circa 3.000,00 euro.

Nell'ultimo anno è venuto a mancare il preventivato corso per Istruttori di 1° Livello, che richiede particolare impegno organizzativo, in quanto, rispetto al passato, la durata, le modalità di svolgimento e i contenuti sono stati modificati, in aumento; a fronte di questo impegno sono aumentati anche in modo esponenziale i compiti del Comitato, sia per aspetti normativo-burocratici sia statali che federali, sia per la gestione diretta della assegnazione dei contributi regionali: adesso è il Comitato a dovere verificare la correttezza delle pratiche, senza possibilità di deroghe perché agisce per delega diretta della Regione, con le conseguenti responsabilità. Le esigenze di tempo impongono di avere Consiglieri con specifiche competenze, ma anche con voglia di lavorare.

Comunque, il Piano di Formazione 2017 prevede un precorso istruttori per recuperare coloro che nel frattempo hanno maturato due anni di tesseramento, un Corso Istruttori di 1° Livello, uno di specializzazione giovanile, uno di specializzazione per disabili e due seminari di approfondimento tematico su compound e su arco olimpico. Alla organizzazione e gestione di questi sarà dedicata tutta l'attività di un Consigliere.

Come pure si dovrà recuperare, per visibilità, con il sito internet che sarà riaperto e gestito sicuramente meglio di quanto non fosse stato fatto anni fa  e che richiederà la collaborazione di tutti.

Nella convinzione che l'impegno richiesto sarà sicuramente profuso, penso che la Sicilia avrà un grnde impulso ed io potrò sperare di mettermi definitivamente “in pensione”.

 

                                                                                                            Il Presidente

 

                                                                                                          (Giovanni Vanni)